Il PDlab è un'Associazione scientifica, dotata di due centri clinici a Parma e Milano, che ha come obiettivi la cura, la ricerca, la formazione sui Disturbi di Personalità. L’associazione è formata da medici psichiatri, psicologi e psicoterapeuti presenti in varie città italiane, interessati allo studio della personalità e al trattamento dei suoi disturbi. E' attiva dal 2009 e i clinici che operano all'interno dell'associazione applicano la Transference Focused Psychotherapy, secondo il modello delle relazioni oggettuali: un trattamento psicodinamico intensivo per pazienti borderline e altri disturbi di personalità, organizzato e implementato dal Personality Disorders Institute del Weill Medical College e dal Personality Studies Institute, di New York, diretti da Otto F. Kernberg. Il PDlab fa parte di un network di istituzioni clinico-scientifiche, che condividono l'applicazione della TFP.

Area per i professionisti

Sei un professionista?

Clicca qui

Area per il pubblico

Sei un privato?

Clicca qui

NEWS

La capacità di determinare con precisione chi è degno di fiducia - e, di fronte a nuove informazioni, modificare i giudizi sull'affidabilità altrui in modo accurato e flessibile - è fondamentale per navigare in sistemi sociali imprevedibili e dinamici. Gli individui con disturbo borderline di personalità (BPD) mostrano estrema angoscia e confusione nelle relazioni e mettono in atto comportamenti che indicano difficoltà nella valutazione dell'affidabilità degli altri.
Care colleghe e cari colleghi,prende il via la nuova edizione 2022 del Corso di Alta Formazione TRANSFERENCE-FOCUSED PSYCHOTHERAPY PER I DISTURBI DI PERSONALITÀ.
In questo contributo, A. Tmej e colleghi, riportano dati sull’efficacia della TFP dopo un anno di trattamento nel contribuire al cambiamento delle rappresentazioni di attaccamento.
L’area della patologia di personalità è stata a lungo trascurata all’interno del contesto sanitario ospedaliero sia per quanto riguarda i curanti che i loro assistiti. Tuttavia, crescenti evidenze mostrano un significativo impatto dei disturbi di personalità (visti prevalentemente nella loro accezione DSM) sullo stato di salute, sulla risposta ai trattamenti e sulle interazioni con il personale sanitario.
In questo contributo, J.F. Clarkin e colleghi, riflettono sui recenti progressi della TFP alla luce dei nuovi modelli diagnostici e di sviluppo.
9 dicembre 2021 ore 21:00 In questo webinar verranno presentati il contesto di sviluppo della TFP e la tradizione psicoanalitica da cui deriva. Seguiranno una descrizione del suo sviluppo in Italia e nel mondo, nonché le sue caratteristiche fondamentali. 
Anche se non è elegante citare sé stessi, mi si perdonerà se riporto le prime righe della prefazione di un volume recente “I mille volti di Narciso” (2020), cui hanno collaborato molte persone vicine al Pdlab (oltre a chi scrive, Ilaria Benzi, Rossella Di Pierro, Marco Di Sarno, Tiziana Pozzetti, Emanuele Preti, Irene Sarno): “Non è difficile pronosticare all’area narcisistica un futuro simile a quello capitato – negli scorsi decenni – alla patologia borderline. Allora si trattò di rivisitare un’area di grande densità clinica, nata quando ancora una rigida dicotomia psicosi-nevrosi ostacolava la possibilità di ridefinire ampi territori nosografici… attualmente…
In questo contributo, Diana Diamond e colleghi, propongono una panoramica della psicoterapia focalizzata sul transfert per pazienti con narcisismo patologico e disturbo narcisistico di personalità (TFP-N).
La ricerca empirica nell’ambito del narcisismo patologico (NP) e del disturbo narcisistico di personalità (DNP) può essere paragonata all’avventurarsi in un “campo minato”. L’approccio strutturale al DNP proposto dalla teoria moderna delle relazioni oggettuali (Object Relations Theory, ORT) fornisce una cornice teorica utile alla classificazione del DNP.
In questo contributo, Hopwood e colleghi riflettono sulla necessità di un approccio dimensionale alla diagnosi di personalità patologica.
Un prezioso contributo di John Steiner riguarda una particolare condizione psichica da lui definita “i rifugi della mente” di cui offre una descrizione clinica, un modello teorico e una riflessione sulla tecnica dell’interpretazione.
In questo lavoro, Fonagy e Campbell suggeriscono due aree di sviluppo futuro nel campo della patologia della personalità.